La locandina della Presentazione a cura di Tritype SrL

La locandina della Presentazione a cura di Tritype SrL

Yukio Mishima. Gioventù, Bellezza, Morte. Tra Mito e Illusione

"Confessioni di una maschera", mi ha condotto direttamente all’esigenza di approfondire lo studio della lingua e della cultura giapponese... Mishima per me è stato un compagno di viaggio e anche un modo per non veder tradito il mio amore per il Giappone e la sua cultura. Ciò che Yukio mi ha raccontato è parte del mio vissuto e mi ha restituito la convinzione che il dubbio della vita è ciò che deve essere sempre salvaguardato nel rapporto con il proprio io."

E' uscito in questi giorni su tutte le maggiori piattaformi digitali, per i tipi di EDDA EDIZIONI, il mio saggio su Yukio Mishima.

Egli rappresenta un punto di riferimento e uno stimolo costante per coloro che non si accontentano di apparire o dell'essere privilegiando il dover essere e le declinazioni positive che ne derivano.

Ho voluto affrontare questo viaggio nell'universo mishimiano dopo averlo rimandato nel tempo per saldare un debito, con me stesso e con lo stesso autore giapponese.

Yukio Mishima mi ha appassionato fin dalla lettura del suo primo romanzo, Confessioni di una maschera (kamen no kokuhaku), tanto da convincermi ad approfondire la conoscenza della lingua e della cultura giapponese a livello universitario.

Ottenuta la laurea presso l'Università La Sapienza di Roma e la specializzazione triennale conseguita presso l'ISMEO di Roma ho scelto altre strade di vita e professionali e, dopo aver frequentato la SDA Bocconi conseguendovi un Executive, mi sono dedicato al mondo delle PMI, sia a livello manageriale che, più tardi, consulenziale.

Dentro però mi è rimasto quell'interesse, la cui memoria ho certosinamente coltivato immergendomi ancora di più nelle opere del grande narratore nipponico.

Il mio saggio non parte dal suicidio spettacolare più volte commentato e analizzato; ho scelto infatti un percorso diverso, immegendo Mishima nel suo ambiente storico alla ricerca delle motivazioni che ne hanno fatto un unico e insostituibile testimone della sua epoca.

Il suo rapporto con la gioventù, la bellezza e la morte delinea un percorso di acuta sofferenza e ci dona immagini rarefatte avvolte nella tragedia.

L'uomo si trasforma in eroe e la storia diviene una continua rappresentazione di miti, evocando sempre più la sua completa antistoricità, ma anche la sua totale aderenza ad un nichilismo sostanziale che al proprio interno non sa trovare le risposte.

Più volte letture sommarie hanno accostato la figura di Mishima alla destra politica; peraltro alcuni hanno provato persino l'impossibile paragonando il suo saggio "Sole e Acciaio (Tayo to tetsu) all'opera di Friedrich Nietzsche ed al suo saggio "Così parlò Zarathustra".

Mishima aveva con la politica un rapporto di pura inconsistenza e la sua "ideologia" che nel saggio citato acquisisce contorni ormai definiti, nulla c'entra con il nichilismo nietzschiano.

Egli appartiene esclusivamente al pantheon dell'Arte e della Letteratura mondiale; non ha bisogno di essere strattonato da una parte o dall'altra, soprattutto non ha bisogno di letture di parte strumentalmente collegate ad una visione politica specifica.

Era un uomo del suo tempo, immerso nella cultura del proprio Paese, che pensava di risolvere le contraddizioni di una società uscita dilaniata dalla seconda guerra mondiale ancorandosi al passato; un passato tuttavia di cui era riuscito a cogliere soltanto gli aspetti esteriori e direttamente collegati alla tragedia del vivere. 

Venerdi' 18 novembre, presso i locali dello Spazio Fotografico, in Via Tiburto 41 H, in Tivoli, con la collaborazione dello stesso Spazio Fotografico,della libreria La Porta Gialla e di XL-Notizialocale.it, presenterò al pubblico il saggio e il mondo mishimiano, partendo ovviamente dalla mia valutazione e dalla mia specifica sensibilità.

Antonio Picarazzi

Il progetto grafico della copertina è di Tritype Srl di Tivoli

Il progetto grafico della copertina è di Tritype Srl di Tivoli

Ultimi commenti

Condividi questa pagina